Sant'Antimo (Siena)

Sant'Antimo è un piccolo paesino situato a Montalcino (Siena) costruito intorno ad una famosa abbazia che ha ispirato numerosi poeti, pittori e scrittori. In onice e travertino, la chiesa fu costruita nel 1118 in stile romanico.

Sono due i santi a cui potrebbe essere intitolata l'abbazia. Il primo è citato negli acta Sancti Anthimi dove è narrata la storia, quasi leggendaria, del sacerdote Antimo imprigionato sotto gli imperatori Diocleziano e Massimiano.

L'altro Sant'Antimo a cui far risalire il nome dell'abbazia era un diacono aretino, martirizzato insieme a San Donato nel 352. La Passio Donati narra la storia del miracolo di San Donato. Il vescovo aretino stava celebrando una funzione di ordinazione insieme ai diaconi Antimo e Asterio. Mentre Antimo distribuiva l'eucarestia con un calice di vetro, nel tempio entrarono alcuni pagani che, con violenza, gettarono a terra il calice, mandandolo in frantumi. Donato raccolse e riunì i frammenti, ma si accorse che mancava un pezzo di vetro nel fondo del calice. Incurante del problema, continuò a servire il vino senza che neanche una goccia uscisse dal calice.

Questo provocò lo stupore dei pagani, che si convertirono. Seguirono l’arresto di san Donato, la sua uccisione assieme ad altri cristiani, la distruzione dei libri e degli arredi liturgici, come spesso avveniva nella persecuzione di Giuliano.[senza fonte] Antimo, unico dei compagni martirizzati insieme a Donato, non venne sepolto a Pionta, nell'aretino, ma altrove. Si ritiene che Antimo, per sfuggire alla persecuzione, si fosse rifugiato nella val di Starcia e qui sia stato martirizzato e sepolto. 
Condividi su facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner